COSENZA

Promotori: APS ResponsabItaly – DEA sas - Associazione culturale Eureka - Kerè srl

Associazione ResponsabItaly – APS con Marchio Collettivo correttamente registrato ed relativo Regolamento di Gestione. Nasce al fine di favorire, senza alcuna finalità lucrativa, lo sviluppo della responsabilità sociale tra i cittadini, i consumatori e nelle organizzazioni pubbliche o private; persegue principi quali la piena trasparenza e la correttezza etica dell’impresa, diffondendo la sensibilizzazione alla certificazione secondo lo Standard SA 8000.

La DEA sas di Pagliusi Carlo e C. gestisce il punto vendita "Libreria Mondadori" di Cosenza. Nata nel 2002 opera nel mercato in costante collegamento con il territorio e i suoi enti di promozione culturale, in partnership privilegiate con scuole e associazioni, con interventi rivolti alle nuove generazioni e all'insieme del tessuto sociale.

L’associazione culturale Eureka è impegnata da diversi anni nello sviluppo e nella divulgazione di pratiche culturali, di formazione e di divulgazione. Un ruolo molto importante nella vita dell’associazione è rappresentato dalla produzione di audiovisivi e di laboratori creativi. Tra i risultati di maggior rilievo: il cortometraggio Due amici (secondo classificato nel Giffoni Film Festival, vincitore dello Shortini Film Festival - categoria junior, e del Festival del Corto di Cosenza); il cortometraggio Che fine ha fatto Pinocchio? (vincitore dello Shortini Film Festival, con la partecipazione straordinaria del cantautore Vinicio Capossela); il progetto Cinema racconta la ricerca, in collaborazione con BNl e Telethon, all’interno della campagna “Educare”.

Kerè srl è una società di consulenza per lo sviluppo e la crescita aziendale. Propone alle aziende strategie creative per competere in maniera vincente in un mercato complesso e in costante evoluzione. Fornisce una formazione avanzata per le HR aziendali nell’ambito commerciale, marketing, comunicazione (interpersonale e social web) e vendite.


Umanesimo tecnologico o tecnologia umanistica?

09 Giugno 2017
Conversazione
Ore 17:30 - 21:30 presso Piazza XI Settembre - Cosenza

Esistono due tipi di macchina. Il primo gruppo sono le macchine che organizzano il lavoro e la società. Il secondo tipo sono le macchine utensili, nelle mani dell'uomo. La macchina che fa paura, che provoca ancora reazioni di rifiuto, come avvenne durante la rivoluzione industriale con il movimento dei Luddisti, è la macchina che organizza e realizza il lavoro da sé, sostituendo spesso le persone. La macchina strumento continuiamo a usarla ma non ci condiziona e non ci fa paura. C'è una prima svolta. Le macchine si diffondono e diventano sempre più importanti e necessarie per far fronte alla complessità.

Francesco Varanini
Ha insegnato presso il Corso di laurea Interfacoltà in Informatica Umanistica dell’Università di Pisa. Nel 2004 ha fondato e dirige la rivista Persone & Conoscenze. È socio fondatore e Direttore Scientifico di Assoetica, nonché membro del Comitato Scientifico della rivista Sviluppo & Organizzazione.
Tra le ultime pubblicazioni:
Contro il management, Il Principe di Condé, Nuove parole del manager. 113 voci per capire l’azienda, Projects and Complexity (con Walter Ginevri), Le vie della formazione (con Gianluca Bocchi), Macchine per pensare. L’informatica come prosecuzione della filosofia con altri mezzi.
www.francescovaranini.it